Situazione Lavori - Diamo una mano a ripulire Vernazza

Vai ai contenuti

Situazione Lavori

Sabato 31 Marzo 2012 - Daniele Moggia

L’Associazione "Per Vernazza Futura Onlus" lancia l’iniziativa socio-culturale dal titolo: Panchine d’autore per Vernazza, al fine di creare un parco di scultura permanente e realizzare un'esperienza artistica originale e moderna, che sottolinei il connubio tra scultura, paesaggio e tradizione, celebrando gli elementi di continuità con la cultura e la storia del paese. Un tema complesso, che assume tratti ambiziosi se ci si riferisce ad uno spazio in cui dominano i segni dell'incessante attività dell'uomo-agricoltore-pescatore che con il tempo ha trasformato e permeato di sé il paesaggio. Le panchine-sculture verranno collocate in via permanente lungo le strade e piazze del paese, a testimonianza dell'incontro dell'arte con l'ambiente naturale e soprattutto con gli uomini che l'hanno modellato. 

Si tratterà di un incontro profondo ed intenso, di un rapporto diretto degli artisti con gli abitanti, con la loro storia ed esperienza. Il connubio fra le opere, il borgo, i suoni, i colori, la luce e ogni altro elemento naturale sarà totale.
L’obiettivo è che l'opera dell'uomo non prevarichi la natura, ma la integri ed esalti.

Le panchine-sculture avranno le seguenti caratteristiche:

  • realizzazione esclusivamente in pietra locale, legno e ferro

  • integrazione tra arte, natura e stile di vita e le tradizioni del borgo

  • multiculturalità degli artisti

  • facilità ed economicità di costruzione


La partecipazione da parte degli scultori è su invito. Ogni artista visiterà il borgo e proporrà un’opera specifica per il luogo a lui assegnato. I disegni ed i relativi modellini dovranno essere presentati entro il 15 maggio 2012. Le panchine saranno realizzate grazie all’adozione delle stesse da parte di enti, aziende, organizzazioni, associazioni o privati. Vi saranno vari modi per adottare un’opera. Sarà possibile sceglierla in base all’artista o alla posizione o in base al costo di realizzazione, ma si potrà anche chiederne la sponsorizzazione e, in modo concordato con l’artista in questione e l’amministrazione comunale, utilizzarne l'immagine.
Per maggiori informazioni Associazione Per Vernazza Futura Onlus
e-mail: vernazzafutura@gmail.com

Domenica 26 Febbraio 2012 - Daniele Moggia

Il Comune di Vernazza, a seguito degli eventi alluvionali dello scorso 25 ottobre, dovendo ridar vita al paese, promuove il progetto "Panchine d'autore per Vernazza", con l'obiettivo di creare un'esposizione di scultura permanente. A tal fine, verranno contattati illustri scultori ed architetti, i cui progetti saranno valutati e selezionati da un'apposita commissione. Le panchine, nel numero di trenta, dovranno esaltare quelle che sono le caratteristiche della vita del borgo e dovranno realizzarsi con gli stessi materiali: pietra, legno e ferro.

Venerdì 24 Febbraio 2012 - Daniele Moggia

I drammatici eventi alluvionali che hanno così duramente colpito il borgo di Vernazza nelle Cinque Terre impongono l’attuazione di un piano di rinascita che sia capace, da un lato, di rispondere ai bisogni contingenti della Comunità locale e, dall’altro, di cogliere l’unicità del momento per fare di Vernazza un modello d’innovazione e di sviluppo sotto il segno della sostenibilità.
L’occasione potrebbe inoltre essere opportuna per la definizione del nuovo Piano Urbanistico Comunale (PUC) da conseguire attraverso metodi innovativi come, per esempio, nell’ambito del Laboratorio partecipato anche dalla cittadinanza.
Ispirandosi al concetto di sviluppo sostenibile, il piano si articola in due macroaree:

1. Sostenibilità ambientale;
2. Sostenibilità sociale ed economica.

1.
SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE: La prima macroarea a sua volta si struttura in cinque aree di intervento:

  • Gestione del suolo e messa in sicurezza

  • Energia

  • Rifiuti

  • Gestione degli scarichi

  • Mobilità


2.
SOSTENIBILITA’ SOCIALE ED ECONOMICA:
   Per il conseguimento della sostenibilità sociale ed economica le aree di intervento sono:

  • Turismo e commercio

  • Agricoltura

  • Promozione e comunicazione

Sabato 18 Febbraio 2012 - Daniele Moggia

Il settore del turismo, in crescita costante negli ultimi 10 anni, è oramai la risorsa principale del paese

Situazione attuale

  • Turismo di massa, di livello medio basso


Obiettivi

  • Incentivare e sviluppare un turismo di più alto livello economico-culturale

  • Ridurre i flussi quotidiani diminuendo accessi di comitive

  • Allungare la stagione


Idee da sviluppare ed eventuali problemi

  • Migliorare la qualità dei servizi, tramite anche un maggior coordinamento ed una maggior differenziazione tra le proposte turistiche

  • Migliorare e selezionare i prodotti offerti, privilegiando i prodotti della terra, della gastronomia e dell'artigianato locale ed andando così ad incentivare e sostenere l'agricoltura e le attività non direttamente turistiche

  • Innalzare il livello delle strutture ricettive (servizi minimi obbligatori, wifi, colazione in accordo con i bar del paese...) al fine di effettuare una "preselezione" della clientela

  • Sviluppare iniziative eno-gastronomiche e sportive che rispondano ad una reale richiesta turistica e che permettano anche di allungare la stagione (corsi di cucina, degustazioni, battute di pesca ed immersioni/snorkeling, visite degli orti...)

  • Creare e sviluppare attività ed eventi turistico-culturali, sfruttando la onlus già esistente (accademia di italiano per adulti con pacchetti ad hoc...)

  • Lavorare su meno accessi ai battelli e su meno sconti per le comitive (ticket parco)

Martedì 31 Gennaio 2012 - Daniele Moggia

Il settore agricolo rappresenta la salvaguardia ambientale del nostro territorio. Sarà necessario investire risorse e idee sullo sviluppo di una agricoltura che sappia coniugare la tradizione con le esigenze attuali.

Situazione attuale

  • abbandono dell’agricoltura negli ultimi decenni (dal ’80 in poi)

  • estrema parcellizzazione delle proprietà

  • età media degli agricoltori avanzata

  • produzione "personale" e assenza di richiesta da parte degli operatori locali


Obiettivi

  • l’agricoltura riacquista importanza per il suo ruolo di mantenimento e valorizzazione del territorio, in particolare in prossimità del centro abitato anche attraverso il riordino fondiario

  • valorizzazione delle produzioni tipiche locali da inserirsi in un circuito di distribuzione dei prodotti a km 0

  • l’agricoltura come opportunità lavorativa ed imprenditoriale per giovani e non del paese


Idee da sviluppare ed eventuali problemi

  • riordino fondiario e progetti di terre incolte e adotta un vigneto

  • produzioni tipiche integrate nel settore turistico commerciale locale

  • formazione per giovani per imprenditoria agricola

Martedì 17 Gennaio 2012 - Daniele Moggia

Aggiornamento sulle opere appaltate
alla luce dei finanziamenti ottenuti dalla Regione Liguria
a seguito dei danni alluvionali del 25 ottobre 2011


Passato il periodo dell’ emergenza durante il quale sono stati eseguiti lavori per l’importo di 266.790,05 €
, si è proceduto ad appaltare nuovi lavori finalizzati, nonostante la situazione non facile, al rientro dei cittadini nelle loro case e a far ripartire Vernazza. Naturalmente data la consistenza dei danni ed i finanziamenti non ancora sufficienti per affrontare tutte le problematiche l’Amministrazione ha dovuto individuare delle priorità che sono state individuate sul canale, sulle frane ed al ripristino dei servizi essenziali quali fognature, acqua, gas.

Torrente Vernazzola

1° Step
: sono stati appaltati lavori per l’importo di € 420.000,00 lordi alle ditte Queirolo e Sogeco
2° Step
: sono stati appaltati i seguenti interventi:

  • alla ditta Queirolo: tratto foce del fiume, Fontanavecchia, località Mua

  • alla ditta CeMa: tratto Fontanavecchia - località Pose nuove

  • alla ditta Agnese: tratto località Vernazzola - Pian del Sorbo

Totale somme affidate 2° step: 3.000.000,00 €
Totale somme finanziate 3.686.790,05 €


Frane

1° Step
: sono stati appaltati i seguenti lavori

  • alla ditta C.P.C. località Chiappa

  • alla ditta COMAC località Tentatore e Fontanavecchia

2°Step :

  • alla ditta C.P.C. ultimazione frane loc. Chiappa

  • alla ditta COMAC ultimazione frane loc. Tentatore e Fontanavecchia

  • alle ditte : GHELLER, TERRA, CAMPRA, DAPAM E ALPI sono state appaltate le frane di Piculla, Ria, alveo Vernazzola , località Prevo

Totale somme affidate sulle frane: 3.373.000,00 €

Sentiero Vernazza – Corniglia

si è ottenuto da Parco Nazionale delle Cinque Terre un finanziamento di € 550.000,00


Sentiero Vernazza - Monterosso

si è ottenuto da Parco Nazionale delle Cinque Terre un finanziamento di € 500.000,00


Acquedotti, Fognature, Gas

si sono attivati interventi per importi di 435.000,00 €
per riattivare in tutto il paese i servizi essenziali completamente distrutti a seguito dell’alluvione del 25 ottobre 2011

Acquedotto irriguo

Si è richiesto un finanziamento di €. 300.000,00
per riattivare l’acquedotto irriguo.

Impianto GPL

È in corso la progettazione del nuovo impianto G.P.L. Per la riattivazione del servizio di erogazione gas occorreranno circa quattro mesi. Dovrà essere individuata in settimana l’area di collocazione del nuovo bombolone. Il costo dell’intervento è quantificato per l’importo di circa 500.000,00 €
. L’attivazione del G.P.L. non esclude la volontà di procedere in un periodo più lungo, almeno due anni, alla attivazione di una rete a metano.

Strade provinciali

Sono stati attivati dalla Provincia della Spezia interventi in somma urgenza sulla stada provinciale n° 63 Drignana Reggio Vernazza. Per quanto concerne la strada provinciale n. °61 S.Bernardino – Vernazza è in corso la progettazione. Martedi prossimo c.m ci sarà in Comune di Vernazza una riunione con la Regione Liguria, la Provincia, la Difesa del suolo per coordinare l’intervento.

Questo è il quadro della situazione ad oggi. Naturalmente continuano le iniziative di raccolta fondi per la ricostruzione del nostro paese. Vorrei ringraziare tutti quelli che stanno lavorando incessantemente per questo. Un pensiero particolare va poi ai nostri cittadini che hanno sopportato e stanno sopportando questa difficile situazione con un coraggio ed una dignità esemplare, soprattutto agli anziani ed ai bambini che più di tutti hanno voglia di ritornare nel loro paese . Il nostro intendimento è quello di farli rientrare al più presto. Tanto lavoro è stato fatto, altrettanto ce n’è da fare ma, per l’amore che nutriamo per Vernazza, non dobbiamo lasciarci prendere dallo sconforto ed avere sempre la determinazione di andare avanti nonostante la difficile situazione economica. Un ringraziamento particolare a tutti i volontari e tutti coloro che sono ancora qui da quel maledetto 25 ottobre 2011 e che, nonostante i disagi, non se la sono mai sentita di lasciare Vernazza.
(Il Sindaco)

Lunedì 02 Gennaio 2012 - Daniele Moggia

Sono trascorsi più di due mesi dall’alluvione che il 25.10.2011 ha colpito Vernazza. Molto lavoro è stato fatto, ma tanto altro ci attende. I fondi di via Roma e via Visconti (le vie principali del paese) ormai ripuliti dal fango sono stati chiusi con delle provvisorie porte di compensato. L’Amministrazione Comunale con la collaborazione della Comuna Baires di Milano, gli studi d’arte "Via Curtatone 18" e "Via Tommaseo 32" di La Spezia, e del critico d’arte Valerio Cremolini, intende ora portare un arcobaleno di colore in questa via e in piazza Marconi facendo dipingere in un giorno tutte le porte dei fondi da tanti artisti.

Giovedì 29 Dicembre 2011 - Daniele Moggia

Mercoledì 28 dicembre si è tenuta, nel pomeriggio, una nuova assemblea pubblica a Vernazza. Il sindaco, Vincenzo Resasco, ha radunato gli abitanti sotto il tendone in piazza per discutere della situazione attuale del paese e presentare i progetti ed i cantieri previsti per le prossime settimane: "i primi finanziamenti sono stati stanziati ed i cantieri pubblici organizzati come segue:

  • già attivati lavori per 400.000€ + 500.000€ per gli scavi lungo il canale, per la sicurezza del quale si stanno analizzando vari progetti a lungo termine, e 600.000€ per la messa in sicurezza delle frane, i cui interventi presentano specificità e difficoltà particolari (trasporto tramite elicotteri, uso di mezzi quali "ragni", microsonde, personale specializzato...)

  • altri 3.500.000€ stanziati dalla Regione la settimana prima di Natale, da destinarsi sempre agli appalti per la messa in sicurezza del canale e delle frane sugli alvei del Vernazzola

  • passate le feste di fine anno, se le condizioni meteorologiche non rallenteranno i lavori, partiranno anche i cantieri per il ripristino dei servizi in via Roma e via Visconti, con posa dell'acquedotto e della rete fognaria e degli impianti di Telecom, Enel ed acquedotto irriguo.


"Dieci giorni fa ho scritto personalmente al Presidente del Consiglio, al Ministro delle Infrastrutture e al Ministro dell'Ambiente per sollecitare i fondi previsti nella finanziaria 2011 per il dissesto idrogeologico" (il Ministero dell'Ambiente ha sbloccato oggi 40 miliardi), ha dichiarato il Sindaco Resasco.
Da metà gennaio anche i primi cantieri privati verranno attivati come segue:

  • lavori per il rifacimento di strutture portanti, quali controsoffitti, solai, muri di separazione, tramezze etc.

  • a breve verrà attivato uno sportello tecnico per gestire e coordinare le varie richieste di DIA ed assistere i privati ed i commercianti

  • lavori per una rapida ripresa delle attività commerciali primarie, quali panificio, farmacia, alimentari etc.

  • il Centro Sportivo ed un ristorante in piazza riapriranno prossimamente, anche per sopperire alla chiusura della mensa, prevista il 7 gennaio prossimo.


Di primaria importanza è anche la distribuzione del gas. Durante gli scavi delle prossime settimane verranno infatti stese le tubature necessarie e verrà valutato il sito più idoneo per l'installazione del bombolone del GPL
, in attesa di un progetto sul metano per uso cucina o di teleriscaldamento per il calore.
"Si stanno anche portando avanti, insieme ad esponenti e tecnici della Regione, analisi di fattibilità circa l'installazione di un campo fotovoltaico
da finanziarsi con stanziamenti CEE, al fine di garantire la fornitura energetica locale e sostenere un nuovo progetto di illuminazione pubblica. Non solo fotovoltaico ma si sta ragionando su di un progetto globale anche sullo sfruttamento della biomassa, dell'energia idrica e di quella marina", dichiara ancora Resasco.
Nel frattempo, ed in attesa dei finanziamenti del Parco delle Cinque Terre, sono già stati approntati i progetti per il ripristino dei sentieri
(n°2, 8, 6D, 7A e 7B).

Sabato 24 Dicembre 2011 - Daniele Moggia - Per Vernazza Futura

Il primo obiettivo per l’anno 2012 sarà quello di far rientrare nelle proprie abitazioni i cittadini residenti che oggi si trovano ancora fuori casa. Si è conclusa la prima fase di lavori che ha previsto lo sgombero del materiale del canale, l’avvio degli interventi di messa in sicurezza dei versanti soprastanti l’abitato di Vernazza in località Chiappa e Tentatore, ed il ripristino, per quanto possibile allo stato attuale, della tombinatura a mare. E’ in fase di elaborazione un piano di lavori finalizzato al coordinamento delle varie attività da realizzare per mitigare il rischio di dissesto idrogeologico diffuso su tutto il territorio comunale. Il rispetto dei programmi è fortemente condizionato dalle condizioni meteo e dalla disponibilità finanziaria. Su questo punto si sta lavorando affinchè non si spengano i riflettori sulla situazione del paese di Vernazza e per far sì che i finanziamenti siano dati nell’immediato e nel lungo termine.
Il giorno mercoledì 28 dicembre
alle ore 15.30 si terrà un’Assemblea Pubblica in cui gli amministratori, coadiuvati dai tecnici, aggiorneranno la popolazione sulla situazione dei lavori pubblici e privati. Su questi ultimi, a partire dalla prossima settimana, verranno consegnate le schede di rilevazione dei danni con le relazioni dei tecnici e con le indicazioni riguardo le modalità di intervento. Consapevoli degli investimenti che devono affrontare i privati (per rientrare nelle abitazioni e nelle attività commerciali) il Comune non intende divulgare informazioni che non siano state preventivamente accertate, per non creare false aspettative o allarmismi e in considerazione del fatto che i danni sono di importo tale che il Bilancio del Comune non può coprire e che sono quindi vincolati all’acquisizione di fondi trasferiti da altri Enti.

Domenica 4 Dicembre 2011 - Daniele Moggia - Energie rinnovabili per Vernazza?

A seguito dell'evento alluvionale del 25 ottobre u.s., tra le varie emergenze che abbiamo, c'è quella della fornitura  di gas utilizzato come riscaldamento, uso cucina o scaldabagno. In questa prima fase di lavori, che speriamo consentano il prima possibile il rientro dei nostri residenti attualmente ospitati in altre città, si sopperirà alla mancanza del gas GPL, con la distribuzione delle bombole ai residenti volontari rimasti in paese. L'utilizzo di bombole sarà poi esteso agli altri residenti e, qualora si riusciranno a riattivare alcuni esercizi pubblici, anche ad essi. Ragionando con gli  Amministratori del Comune ci si è trovati d'accordo sul fatto che il posizionamento di un nuovo bombolone, che possa essere utilizzato per tutto il paese, è di difficile risoluzione, almeno fino a quando non verrà messo in sicurezza il territorio circostante devastato da 120 frane. Le soluzioni che pertanto si prospettano sono molteplici ma in buona sostanza possono fare riferimento a due filoni di ragionamento futuro: metano o energie rinnovabili. Due filoni, è bene precisare, non  per forza antitetici. La prima soluzione, più ovvia ma con costi di una certa entità, prevede l'arrivo del metano, con quali tempi non è attualmente ipotizzabile ma si fa riferimento comunque a periodi lunghi, via mare da Monterosso o via  terra da Volastra. Entrambe le soluzioni comportano opere di scavo dispendiose o tratte via mare con i problemi che lo stesso comporta. L’Amministrazione Comunale è intenzionata a percorrere anche strade alternative. Se si progettasse,  invece, un massiccio utilizzo di energie rinnovabili? Abbiamo il sole a disposizione, abbiamo boschi interi, perché non ragioniamo di sfruttare tali risorse e costruire impianti fotovoltaici e impianti a biomasse? Questi sono i temi attorno su  cui vorremmo ragionare insieme a tutti, per ora sfruttando gli spazi virtuali. Le Cinque Terre, oggi conosciute a livello internazionale, sono registrate nella lista Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità dal 1997 e sono diventate Parco Nazionale nel 1999. L'area antistante il territorio del Parco è Area Marina Protetta. In breve, siamo sotto gli occhi del mondo, e dobbiamo assolutamente nel nostro piccolo ma con l'aiuto di grandi aziende o gruppi, costruire un futuro diverso, rispettoso del nostro ambiente naturale, più sostenibile, sotto tutti i punti di vista anche turistico e soprattutto generoso con le generazioni future. Ci state? Che ne pensate?

Giovedì 1 Dicembre 2011 - Daniele Moggia

Fontanavecchia: in località Pompa si stanno effettuando i lavori per convogliare il canale nella vecchia sede. Entro la serata, invece, si procederà a liberare l'alveo del canale e a portare via i rifiuti ingombranti per non creare eventuali problemi con le piogge previste nei prossimi giorni. Procedono a ritmo serrato i lavori sulla tratta fognaria in via Roma. Questa mattina un sopralluogo di tecnici ed  ingegneri ha verificato il ripristino, seppur provvisorio, della linea dalla Ferrovia verso la piazza. Nel lato sinistro, seguendo questa direzione, verrà posato un tubo, nelle prossime settimane, per servire anche le case limitrofe.

Mercoledì 30 Novembre 2011 - Paolo Camerata

Via Roma: da due giorni una ditta sta scavando presso Santa Marta e davanti al Blue Marlin per scoprire e sostituire i tratti di tubazione fognaria distrutti dalla frana di ottobre. Gli operai sono già a buon punto e l'operazione dovrebbe terminare oggi di modo che tutta la rete fognaria al di sotto della stazione possa essere di nuovo operativa per poi iniziare una nuova fase di lavori. In via Roma infatti dovrebbe iniziare un'operazione di pulizia e bonifica; la parte centrale della via ovvero quella costituita da pietre antiche, resterà scoperta mentre ai lati verrà sparso del ghiaione. che avrà la funzione di livellare la strada (ad oggi piena di buche) e drenare l'acqua evitando la formazione di pantani. Fatto ciò potrà partire l'operazione di pulizia delle facciate con le idropulitrici. I cantieri aperti sono sempre gli stessi e la spiaggia è nuovamente piena di detriti. Per la giornata di venerdì si prevede un'allerta meteo, a tal proposito è già stato approntato un eventuale piano di evacuazione ma solamente a scopo precauzionale.

Lunedì 28 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Proseguono i lavori di ripristino di Fontanavecchia. ACAM sta lavorando al ripristino della fognatura che al momento risulta interrotta in via roma per un tratto di 10 metri (di fronte alla coop). Lungo il canale si prosegue invece allo svuotamento dell'alveo per la messa in sicurezza del torrente. Partiranno a breve i lavori per la messa in sicurezza delle frane che insistono sul paese e nelle vicinanze dei torrenti. Martedì 29 novembre alle 15.30 l'amministrazione comunale incontrerà le organizzazioni di categoria (commercio) per discutere lo stato di fatto del paese; nel frattempo sabato 27 si è svolto un incontro con i giovani di Vernazza in cui l'amministrazione comunale ha ribadito, oltre al ringraziamento agli stessi, la necessità di condividere il percorso, nella massima partecipazione e trasparenza, sulla ricostruzione del paese. Durante le fasi di progettazione saranno sempre invitati dei rappresentanti della popolazione giovanile del paese.

Mercoledì 23 Novembre 2011 - Paolo Camerata

Oggi non abbiamo grandi novità. I cantieri continuano più o meno nelle stesse posizioni. Abbiamo provato a pulire la strada ma il fango è così pressato dal passaggio dei mezzi che a mano è impossibile rimuoverlo. Ci siamo quindi accontentati di liberare la parte centrale fatta di pietre antiche ma Purtroppo davanti al blue marlin una parte di queste sembra sparita per una lunghezza di almeno 10 metri. La fontana vecchia resta il punto critico. La montagna di detriti in spiaggia domani dovrebbe ridursi perchè tornerà il pontone con la draga. Continuano le perizie nel palazzo della carige dove il pericolo di danni ai pilastri sembra rientrato. Una ditta specializzata sta ora svuotando lentamente i piani alti interessati dalla frana alle sue spalle monitorandone nel contempo il pavimento che in questo momento risulta piegato. Una volta alleggerito si spera ritorni nella sua posizione originaria. Questa sera, sotto la tenda, abbiamo festeggiato il compleanno di Carolina: torta, pasticcini e Don Giovanni che con la chitarra ha suonato tutta la sera e sta suonando anche in questo momento. Auguri Carolina!
La Settimana prossima inizieranno i lavori nella parte alta del canale. Verranno messe 8 barriere speciali che si chiamano Debrid Flow, dovrebbero permettere il flusso di acqua ma impedirebbero il passaggio di detriti. Poi inizieranno anche i lavori di contenimento delle frane.

Martedì 22 Novembre 2011 - Chiara Viacava

Oggi hanno lavorato a fontanavecchia solo gruppi selezionati di volontari per aiutare i vigili del fuoco nella messa in sicurezza di alcune case. La casa "pianoforte" è stata quasi liberata esternamente, il tetto per ora ha retto, ma si parla di abbatterlo presto per problemi di sicurezza. Il primo piano del palazzo santa Rita è quasi sgombero dai detriti; sfortunatamente alcuni muri divisori e perimetrali sembra abbiano ceduto alla furia dell'acqua e dei massi. Al nuovo parcheggio sulla strada per Reggio si è riusciti a salvare le due porte da pallanuoto e una barca grazie all'aiuto di una ruspa e di volontari.

Martedì 22 Novembre 2011 - Paolo Camerata

Vernazza in questo momento è divisa in due cantieri. Dalla pensione sorriso in giù lo spettacoli è desolante ma almeno non comprende più montagne di detriti. I fondi sono tutti liberi però via Roma non è percorribile essendo ancora coperta di fango (domani inizieremo a toglierlo o almeno ci proveremo). L'altro cantiere è la Fontana Vecchia. Al momento il palazzo sopra la Carige è inagibile perchè una frana sta spingendo da dietro ed i tecnici devono fare ulteriori verifiche.
Palazzo Santa Rita sembra saldo e non corre rischi. Dall'altra parte del canale proseguono i lavori per svuotare i primi piani. Gli escavatori lavorano in più punti. Uno dal parcheggio che cerca di riportare il livello stradale a quello originario (attualmente dalla casa rossa compresa in poi ci sono 4 metri di detriti). Il secondo lavora poco più sopra e sta "cercando" la strada. Il terzo escavatore è poco sopra il mulino e fa lo stesso lavoro ma li di metri ce ne saranno anche 5 o 6. I detriti vengono caricati su tre grossi camion che percorrendo il vecchio alveo del canale, attraverso il tunnel arrivano alla spiaggia nuova che nel frattempo è diventata enorme e soprattutto molto alta coprendo anche la vecchia diga. Fognature: alla fontana vecchia gli scarichi sono inutilizzabili. L'intenzione è comunque quella di utilizzare un condotto in superficie e poi appena possibile interrarlo. Più in basso sembra essere più fortunati perchè l'evento è stato così violento che ha tappato subito i tombini ma pare che abbia in questo modo risparmiato le condutture. Nei prossimi giorni ci saranno le verifiche. Per quanto riguarda il gas si esclude in futuro l'utilizzo del "bombolone" che ci ha già graziati 2 volte e si sta pensando di portare metano da Monterosso tramite un tubo sottomarino.

Lunedì 21 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Questa mattina, a seguito di un incontro con Amministatori e Tecnici, si è stabilito di lanciare un progetto per noi significativo. Chiederemo un contributo, mirato, per la ricostruzione di una opera pubblica ben determinata. Via Roma, Via Gavino, Via Visconti, Piazza Marconi, Chiesetta di Santa Marta, Ponte della Madonnina, la Biblioteca, Fontanavecchia, le mura antiche e la torre dei Frati, queste le opere che necessitano di una mano. Una volta pronte le schede metteremo i danni rilevati, le foto di com'erano e come sono, il contributo necessario alla ricostruzione e l'aggiornamento su quanto introitato. Passiamo parola?

Domenica 20 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Proseguono i lavori di rimozione del fango da parte dei volontari e delle squadre di Vigili del Fuoco e Protezione Civile dalle vie principali (via Roma e via Visconti in particolar modo). Fervono altresì i lavori per la messa in sicurezza del canale a monte di Fontanavecchia attraverso opere di consolidamento e pulizia; in questo caso si lavora anche per recuperare i sassi e metterli da parte di modo da poterli distribuire, in un secondo tempo, per la ricostruzione dei muretti a secco. In collaborazione con il CAI, è stato concluso il monitoraggio dei sentieri del territorio vernazzese; si ricorda che tutti i sentieri sono inagibili per il trekking.

Sabato 19 Novembre 2011 - Chiara Viacava

Si prosegue con i lavori di smaltimento della terra e del fango in tutto il paese. La terra che era stata accumulata nel corso di queste settimane sulla spiaggia viene caricata sui pontoni e portata verso La Spezia, facendo diminuire notevolmente l'accumulo dei detriti nel porticciolo. Sulla piazza i proprietari dei negozi puliscono mobili ed elettrodomestici che sono riusciti a recuperare durante lo sgombero della loro attività. In via roma si lavora per ripulire la strada dalla fanghiglia che è fuoriuscita dai fondi dopo la loro liberazione e con alcune idropulitrici si è iniziato a ripulirne alcuni. Le ruspe sono sempre al lavoro, continuano a spalare terra dove ancora necessario e molti volontari aiutano con cariole e pale. Ai giardinetti i volontari della protezione civile del friuli ed alcuni privati stanno svuotando le case ai lati del canale dagli arredi rovinati, mentre le ruspe che si trovano nel letto del canale caricano di terra e detriti alcuni camion che a loro volta scaricano nella "nuova" spiaggia dietro il castello, attraversando il tunnel dove scorre il canale Vernazzola. Si continua a lavorare a fontanavecchia, cercando di svuotare i primi piani delle case, le cantine, la posta, un bar e un magazzino, grazie all'aiuto dei mezzi dei vigili del fuoco e dei volontari che lavorano con pale, picconi e carriole.
In quasi tutto il paese sono state riallacciate acqua, elettricità e fognature; sono state inoltre distribuite dal comune delle chiavette tim per la connessione internet e dei cellulari, grazie ai quali si riuscirà a condividere molte più informazioni  sullo stato dei lavori. Da lunedì 21 novembre verrano inoltre distribuiti in comune a tutti i residenti dei biglietti ferroviari per le tratte levanto-vernazza e vernazza-la spezia. Non sarà più possibile viaggiare sui treni con destinazione Vernazza senza un titolo di viaggio di valido.

Venerdì 18 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Assieme a Volontari del CAI abbiamo monitorato lo stato di alcuni sentieri:

  • n. 8 (Vernazza - Reggio): il sentiero, ancora chiuso al transito con ordinanza n. 44/2011, presenta alcune frane ed il transito è interrotto in almeno 3 punti. nel tratto sopra Reggio è interrotto in 2 punti anche se si riesce a passare. Nel primo punto una frana è in mezzo al passaggio ma lo si può scavalcare  senza problemi. Nel secondo caso un pino di modeste dimensioni è posto nelle vicinanze del tratto di sentiero, anche in questo caso però non ostacola totalmente la circolazione.

  • n. 8a (Reggio - San Bernardino): il sentiero non è percorribile. Per farlo i volontari hanno dovuto cercare strade alternative  ed usare corde per il passaggio. Interrotto seriamente in molti punti ha bisogno di manutenzione straordinaria.

  • n. 7 (San Bernardino - Vernazza): il sentiero è percorribile e non ha subito nessun danno.

  • n. 1 conosciuto anche come Alta via delle Cinque Terre, è pulito e non presenta frane.

Lunedì 14 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Da sabato il servizio idrico e di fognatura è stato parzialmente ripristinato in alcune zone del paese (via A. Del Santo,  S. Francesco, E. Vernazza, Carattino). Si sta lavorando in queste ore per ripristinare anche la Piazza (Marconi) e le vie che portano al castello (Mazzini, Guidoni e S.G. Battista). Acam ricorda, data la situazione di ripristino parziale dei suddetti  servizi, la necessaria cautela nell'utilizzo dell'acqua e delle fognature evitando di sovraccaricare le stesse.

Domenica 6 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Ore 8: Non piove. L'orizzonte è abbastanza chiaro, monitoriamo il meteo su internet. I lavori proseguono nella  via centrale.
Ore 18
: il prefetto ha fatto visita in mattinata. Continuano intanto i lavori nelle vie centrali del paese.  Dal primo pomeriggio non piove. Abbiamo tirato un sospiro di sollievo. Anche i volontari sono all'opera.
Ore 21
: comunicazione importante per l'accesso al paese di Vernazza: Data l'allerta meteo della protezione civile, inizialmente prevista fino alle ore 18 di domenica 6 novembre ma prorogata fino alle ore 18 del giorno lunedì 7 novembre, si ricorda che la delibera 42/2011 (evacuazione del paese e accesso vietato a persone non autorizzate) è valida fino a tale data.

Sabato 5 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Ore 9: Piove da almeno 4 ore. Stiamo monitorando il meteo ed i movimenti franosi. Siamo tutti in Comune. Ieri i Vigili del Fuoco e gli operatori hanno fatto un lavoro enorme, liberando buona parte di via Roma e via Visconti. Restiamo in allerta.
Ore 14
: ancora pioggia. Le condizioni Meteo sono brutte ma la situazione sotto controllo. Tutte le forze dell'ordine ed i volontari impegnati a monitorare quanto sta accadendo.

Venerdì 4 Novembre 2011 - Daniele Moggia

Ore 7: Il mare da piatto sta iniziando a salire. vento forte. Ancora non piove ed i lavori per il paese proseguono.
Ore 12
: aggiornamento meteo, ancora pioggia prevista, intensa. Qui sono scese poche gocce in compenso il vento forte da sud sta facendo aumentare il mare.
Ore 15.30
: mentre apprendiamo notizie di Genova allagata qui situazione ancora sotto controllo. Il cielo è un po' più scuro ma i lavori di sgombero procedono ancora. Forte vento di scirocco. Si prosegue il lavoro in piazza e lungo le vie del paese.
Ore 21.45
: Oggi in pratica non ha piovuto e questo per noi è un bene. guardiamo con trepidante attesa le immagini provenienti da Genova ma il controllo Meteo ci indica che la perturbazione si è spostata verso ponente, per nostra fortuna.

Giovedì 3 Novembre 2011 - Daniele Moggia

I nostri compaesani hanno lasciato con ordine il paese. In 47, più le forze dell'ordine, siamo rimasti a presidio dei lavori che proseguono senza sosta. Monitoriamo il meteo in continuazione.

Torna ai contenuti | Torna al menu